ELPIS: un progetto di riabilitazione per i pazienti oncologici

Così si chiama questo nuovo progetto, perché ELPIS, nella mitologia greca, era la personificazione della speranza.

Come avrete letto in un recente articolo apparso su La Nazione, di cui alleghiamo il link per chi volesse leggerlo, questo progetto prevede un centro di riabilitazione per il paziente oncologico e di aiuto ad i suoi familiari. Il progetto nasce dalla collaborazione, ormai trentennale, tra il reparto di Oncologia Medica dell’Ospedale Santa Maria Annunziata, in Bagno a Ripoli, ed il CALCIT Chianti F.no.

Al di là del progetto che, per chi fosse interessato a leggerlo nella sua completezza, alleghiamo qui di seguito, è di rilevante importanza, per la sua realizzazione, la convergenza di varie realtà territoriali locali a partire dagli Enti Locali e le Associazioni del Terzo Settore, ai Servizi Sanitario e Sociale, fino al contributo di Società e Fondazioni a carattere filantropico, scientifico ed umanitario. Possiamo quindi nominare la Onlus Santa Maria Annunziata, Il CALCIT di Barberino Tavarnelle, l’Associazione S.C.I.E., la SIPO, la TAGES Onlus.

Ma in particolare vogliamo rammentare, oltre al supporto ed al patrocinio datoci dal Comune di Bagno a Ripoli, il Rotary Club di Bagno a Ripoli la cui donazione ci ha permesso l’acquisto degli arredi, e la sezione Soci dell’UNICOOP di Bagno a Ripoli la cui donazione ci permetterà di completare importanti acquisti per rendere più fruibile l’ambiente creato.

Pur tuttavia il CALCIT Chianti F.no, che fa da capofila alle altre Associazioni sopra menzionate, ha deciso di avviare comunque il progetto entro la fine dell’anno e lo farà, anche se inizialmente in maniera un po’ ridimensionata non disponendo degli spazi opportuni, mettendo momentaneamente a disposizioni i locali dell’abitazione ricevuta in donazione dalla storica Presidente e fondatrice Wanda Tofanari e pertanto chiamata “CASA WANDA”.

 

APPROFONDISCI

 

Articoli Correlati